Turismo Gay ad Grecia

Il turismo gay o turismo LGBT è una forma di turismo di nicchia commercializzato per persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender (LGBT). Di solito sono aperti sul loro orientamento sessuale e identità di genere, ma possono essere più o meno aperti quando viaggiano; ad esempio possono essere chiusi in casa o, se sono usciti, possono essere più discreti in aree note per la violenza contro le persone LGBT.

Le componenti principali del turismo LGBT riguardano destinazioni, alloggi e servizi di viaggio che desiderano attrarre turisti LGBT; persone che desiderano viaggiare verso destinazioni LGBT-friendly; persone che desiderano viaggiare con altre persone LGBT quando viaggiano indipendentemente dalla destinazione e viaggiatori LGBT che si occupano principalmente di questioni culturali e di sicurezza.[4] Il termine gergale gaycation è arrivato a implicare una versione di una vacanza che include un aspetto pronunciato della cultura LGBT, sia nel viaggio che nella destinazione. L’industria del turismo LGBT comprende destinazioni (uffici del turismo e CVB), agenti di viaggio, strutture ricettive e gruppi alberghieri, compagnie turistiche, compagnie di crociera e società di pubblicità e promozioni di viaggio che commercializzano queste destinazioni alla comunità gay. In concomitanza con la maggiore visibilità delle persone LGBT che allevano figli negli anni ’90, negli anni 2000 è emerso un aumento del turismo LGBT adatto alle famiglie, ad esempio R Family Vacations che include attività e intrattenimento orientati alle coppie, compresi i matrimoni dello stesso sesso. La prima crociera di R Family si è svolta a bordo della Norwegian Dawn di Norwegian Cruise Lines con 1600 passeggeri di cui 600 bambini.

Le principali aziende del settore dei viaggi sono diventate consapevoli dell’ingente denaro (noto anche come “dollaro rosa” o “sterlina rosa”) generato da questa nicchia di marketing e hanno deciso di allinearsi con la comunità gay e il turismo gay campagne. Secondo un rapporto della Travel University del 2000, il 10% dei turisti internazionali erano gay e lesbiche, con oltre 70 milioni di arrivi in ​​tutto il mondo. Si prevede che questo segmento di mercato continuerà a crescere come risultato della continua accettazione delle persone LGBT e del cambiamento degli atteggiamenti nei confronti delle minoranze sessuali e di genere. Al di fuori delle aziende più grandi, ai turisti LGBT vengono offerti altri strumenti turistici tradizionali, come reti di ospitalità di individui LGBT che si offrono reciproca ospitalità durante i loro viaggi e persino scambi di casa in cui le persone vivono nelle case degli altri. Sono disponibili anche in tutto il mondo gruppi sociali per residenti e in visita espatriati e amici gay, lesbiche, bisessuali e transgender.

Clicca sulla città o sull’isola che preferisci
per vedere prezzi e informazioni

 

Total Page Visits: 101 - Today Page Visits: 1